In offerta!

Pulcinella. La misteriosa maschera della cultura europea

Dall’Introduzione di Tommaso Esposito, direttore del Museo di Pulcinella, Acerra:
Sono già molti gli anni dedicati da Hetty Paërl, saggista e scrittrice olandese, a ricercare, indagare, studiare le origini ed i caratteri di Pulcinella. Tutto è cominciato con la leggenda di Jan Klaassen, il trombettiere del principe d’Olanda Guglielmo II, diventato burattinaio dopo la morte del suo padrone.

19,90 16,91

ISBN: 9788885978386
Peso 680 g
Dimensioni 16.5 x 24 x 2 cm
Pagine

272

Confezione

Brossura

Illustrazioni

150 b/n

Anno di pubblicazione

2002

Lingua

Lingua originale

Traduzione

apri anteprima del libro (pdf) apri il sommario (pdf)

 

Dall’Introduzione di Tommaso Esposito, direttore del Museo di Pulcinella, Acerra:

Sono già molti gli anni dedicati da Hetty Paërl, saggista e scrittrice olandese, a ricercare, indagare, studiare le origini ed i caratteri di Pulcinella. Tutto è cominciato con la leggenda di Jan Klaassen, il trombettiere del principe d’Olanda Guglielmo II, diventato burattinaio dopo la morte del suo padrone. Jan Klaassen, da ex suonatore di tromba reale, inventò, per sbarcare il lunario e sostenere la propria famiglia, Jan Klaassen, il terribile burattino che ha divertito e diverte tuttora adulti e bambini nelle strade e nelle piazze di Amsterdam. Hetty Paërl ha intuito che Jan Klaassen potesse avere una qualche similitudine con i tanti e tanti burattini, fra cui Pulcinella, che sin dalla fine del secolo sedicesimo avevano raggiunto ogni piazza d’Europa.
Ora, con questo suo libro, Hetty Paërl, lasciati per un attimo soltanto burattini baracche e burattinai, sgranellando le tante storie di Pulcinella, ci svela una antica e nuova grande verità. Ci rivela il segreto non segreto di Pulcinella.
Pulcinella, cioè, è tutto e niente, è vivo ed è morto, è ricco ed è povero, è furbo ed è ingenuo, è saggio ed è stolto.
Pulcinella non è definibile!
Pulcinella non soltanto è indefinibile. Egli è qui ed è là.
È a Napoli ed a Londra.
È a Roma ed a Parigi.
È a Madrid e ad Istanbul.
Egli, infatti, è l’inglese Punch, il francese Polichinelle, lo spagnolo Don Cristobal, il russo Petruska, il turco Karaghoz.
Ambiguità ed ambivalenza sono i caratteri di Pulcinella che agli occhi di Hetty Paërl diventano le sacre stigmate di una maschera magica. La più misteriosa ed intrigante maschera della cultura europea.

Articoli e recensioni

Recensioni

Recensisci per primo “Pulcinella. La misteriosa maschera della cultura europea”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.